Ti trovi qui:Blog>Parliamo di..>Perchè Isolamento Acustico o Fonoassorbenza? Ipoacusia (Sordità) e non solo...

Perchè Isolamento Acustico o Fonoassorbenza? Ipoacusia (Sordità) e non solo...

23 Gen 2014 Commenta per primo! 1119
Vota questo articolo
(0 Voti)
Isolamento e Fonoassorbenza acustica per prevenire conseguenze nella salute

Cos’è l’ipoacusia? E’ semplicemente la perdita dell’udito. E’ il danno maggiormente conosciuto causato dal rumore che è anche responsabile di altri danni. Ma non allarmatevi! Considerate solo il valore dell’isolamento acustico e della fonoassorbenza nella sfera privata e soprattutto in quella professionale.

Rumorosità: ipoacusia e altri effetti collaterali.

Dati Inail alla mano, l’ipoacusia è la patologia maggiormente denunciata (malattia professionale). Raggiunge nel settore industria dei picchi del 50%. Non parliamo subito della sordità da rumore. Ci sono altri effetti collaterali che la rumorosità comporta. Ad esempio, ostacola le conversazioni e può coprire varie segnalazioni di sicurezza (Alert) in caso di un pericolo (nelle lavorazioni manufatturiere e non solo). Inoltre velocizza l’insorgere di fatica mentale e quindi è una causa di diminuzione di rendimento professionale (diminuzione di produttività). Per non essere ancora soddisfatti ostacola l’apprendimentointerferisce con il sonno ed il riposo. In questo caso lede il recupero psico-fisico dagli sforzi quotidiani e quindi favorisce l'accumolo di stress. Esistono anche degli effetti che rientrano al cessare dell’emissione sonora: come vertigini, disturbi dell’equilibrio e nausea.

La perdita dell'udito.

Il fattore che lede l’udito  è l’energia acustica che i rumori producono. Quindi l’esposizione costante e prolungata produce alterazioni delle strutture neuro-sensoriali dell’orecchio interno. I danni maggiori si hanno nell’Organo del Corti nella coclea, ove vengono contenute sia le cellule ciliate interne ed esterne. Si producono danni irreversibili per il sistema ricettivo dei suoni ed anche per quelle cellule che regolano la sensibilità dell’apparato acustico. Ci sono due danni che si producono. Uno è quello verso la sinapsi della via afferente,  che si può definire reversibile. Mentre quello cellulare è irreversibile, visto che la conseguenza è la loro morte. Ma anche i danni reversibili non si aggiustano se permane l’esposizione al rumore. Ne consegue un innalzamento costante della soglia auditiva.

come funziona l udito orecchio

Controlli dell'udito.

L’audiometria tonale è un metodo che permette di misurare la perdita dell’udito in decibel. Quindi si tratta di misurare la differenza fra la nuova soglia di percezione minima del suono e lo zero che è definito come il livello standard di normalità. Tale risposta deve essere verificata nelle diverse frequenze: 250,500,1000,2000,3000,4000,6000,8000 Hz.  

Conclusioni.

Siamo desolati che per gli altri disturbi menzionati, ancora non ci sia un metodo scientifico che oltre ad evidenziarne la correlazione, dovrebbe certificarne il livello. Per esempio sopra gli 85 db(ristoranti non fonoassorbiti) l’apparato cardiovascolare inizia ad accellerare il battito (aritmia), ne consegue un aumento della pressione arteriosa. Per quanto riguarda le vie urinarie si è accertata la concentrazione di  noradrenalina e adrenalina. Ancora gli studi non possono dimostrare delle sospette relazioni fra il rumore e l’ipertensione. Mentre si possono accertare dei legami con i peggioramenti avvenuti nei soggetti affetti da coronopatie. Ultimo legame è quello con la rumorosità ed il calo delle difese immunologiche. Per concludere il quadro è molto più complesso e molto spesso l’insorgere di fastidi è legato ad un fattore non considerato: IL RUMORE. Esserne consapevoli è la strada per provvedere a trovarne la conclusione.

Autore

Mr Silence

Mr Silence

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

LAntirumore S.R.L.S.

Sede amministrativa (no magazzino)
Via delle Rande, 7 - 00122 Roma

P.Iva e C.Fisc: 14113911003
REA: RM 1498028

Richiesta info nella nostra pagina Contatti

info@lantirumore.it

+39 389.251.0883 - +39 329.85.12.685 - +39 392.23.16.142(Servizio telefonico sospeso fino al 9 novembre. Ci scusiamo per il disagio.

INSTALLAZIONI SU ROMA, CONTATTACI !

Su Roma e Provincia eseguiamo lavori di isolamento acustico e trattamenti fonoassorbenti per locali. Per preventivi o sopralluoghi, contattaci al +39 389 251 0883 o inviaci una richiesta tramite il form.

Inviaci la richiesta e verrai ricontattato in breve tempo. Hai visto i nostri interventi? Visita la galleria dei nostri lavori.