Ti trovi qui:Blog>Normativa>Rumorosità: Un' interpretazione della Giurisprudenza

Rumorosità: Un' interpretazione della Giurisprudenza

07 Feb 2014 Commenta per primo! 1005
Vota questo articolo
(0 Voti)
Art.659 del Codice penale. A tutela della quiete pubblica

Secondo la Giurisprudenza la rumorosità che si effettua in un condominio è sanzionabile solo nel caso che rechi disturbo all'esterno. Ossia che impatti un numero indistinto di persone (quiete pubblica). Questo è quanto emerge dalla sentenza nr 25225 del 2012 della Suprema Corte di Cassazione.

Il vicino disturba te?

Richiedere tutela per la rumorosità del vicino è un'impresa assai ardua. A parer della Cassazione chi reca fastidio non è penalmente perseguibile a sensi dell'art.659 (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone), nel caso che i rumori non si propaghino anche fuori. L'art.659 prevede che "Chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone (...) è punito con l'arresto di tre mesi o con un ammenda fino ad eur 309.

Ma non la quieta pubblica.

Nel caso specifico, la sentenza riguarda tre condomini condannati in primo grado. Erano accusati di urlare per le scale, di sbattere le porte. Altra rumorosità avvertita era quella di sbattimenti di sedie e tavoli. La difesa dei condannati ha esposto delle obiezioni in sede di Suprema Corte che fanno riferimento ad una rumorosità che non fuoriusciva verso l'esterno e non recava danno o disturbo alla quiete pubblica, ossia un 'entità indistinta di persone'. Tale tesi è stata considerata valida dai giudici della Suprema Corte, giustificando che sono stati danneggiati cinque inquilini del condominio e non vi sono state ravvisate lamentele del vicinato.

il Rumore e una condanna

Motivazioni della Corte e 

Art.659 isolamento acustico

Per la Suprema Corte l'art.659 non è applicabile qualora la rumorosità non porti disturbo fuori dalle mura del condominio. Ovvero il rumore deve porre disturbo alla quiete pubblica e quindi un numero indeterminato di persone e non a pochi individui determinabili. E' evidente come la sentenza abbia un'entità oggettiva, ma probabilmente troppo vaga. Altre obiezioni: i cinque condomini saranno condannati a sopportare l'inciviltà dei vicini a vita? non è una "condanna" troppo severa? Fortunamente nel codice civile abbiamo l'asso nella manica: L'art.844, che sarà prossimamente descritto in un mio articolo.

Autore

Mr Silence

Mr Silence

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

INSTALLAZIONI SU ROMA, CONTATTACI !

Su Roma e Provincia eseguiamo lavori di isolamento acustico e trattamenti fonoassorbenti per locali. Per preventivi o sopralluoghi, contattaci al +39 389 251 0883 o inviaci una richiesta tramite il form.

Inviaci la richiesta e verrai ricontattato in breve tempo. Hai visto i nostri interventi? Visita la galleria dei nostri lavori.